I componenti tossici di computer e monitor

I componenti di computer e monitor contengono molti materiali tossici diversi. Ciò potrebbe non influire sull'utente medio che lavora su un PC, ma causa problemi quando l'attrezzatura viene riciclata o eliminata in blocco. Se stai pensando di aggiornare i computer dell'ufficio, potresti non pensare molto a come smaltire la tua vecchia attrezzatura, ma quando arriverà il momento, dovresti sapere cosa c'è nella scatola e dietro lo schermo.

Componenti tossici nei computer

L'unità di elaborazione centrale di un computer contiene sostanze tossiche e il piombo si trova nei circuiti stampati. Le piastre e gli alloggiamenti metallici possono contenere cromo, che viene utilizzato per indurire e proteggere le piastre metalliche dalla corrosione. Schede madri e connettori spesso contengono berillio. Il cadmio si trova comunemente in resistori a chip, semiconduttori, rilevatori a infrarossi, stabilizzatori, cavi e fili. Schede elettroniche, interruttori e relè contengono mercurio e cromo. I ritardanti di fiamma bromurati sono utilizzati in molti componenti, inclusi circuiti stampati e involucri di plastica.

Componenti tossici nei monitor

I vecchi monitor a tubo catodico possono contenere fino a otto libbre di piombo. I monitor LCD e i monitor a schermo piatto più recenti in genere non hanno così tanto piombo, ma ne contengono anche del rame. È probabile che la lampada utilizzata per illuminare lo schermo contenga mercurio e il rivestimento all'interno dello schermo potrebbe essere di cadmio. I ritardanti di fiamma bromurati si trovano comunemente in molti componenti del monitor.

E-Waste

Secondo la Electronics TakeBack Coalition (ETBC), gli Stati Uniti hanno smaltito 423.000 computer e 595.000 monitor nel 2010. Solo il 40% dei computer e il 33% dei monitor sono stati riciclati; il resto è stato cestinato. I rifiuti elettronici sono una seria preoccupazione ambientale. I materiali tossici nei componenti dei computer possono danneggiare l'ambiente e, se entrano nelle catene alimentari, possono danneggiare anche l'uomo.

Effetti tossici

I rifiuti elettronici e alcuni metodi di riciclaggio possono rilasciare alcune sostanze tossiche nell'ambiente. Ad esempio, è comune bruciare il rivestimento in PVC dai fili per riciclare il rame all'interno; tuttavia, il PVC rilascia diossine quando viene bruciato. Se scaricati in un sito di rifiuti, materiali come piombo, cadmio, rame e mercurio possono filtrare nel suolo e nell'acqua o evaporare nell'aria, contaminando le catene alimentari. Secondo Greenpeace, tracce di ritardanti di fiamma sono state trovate nel latte materno umano, nelle balene e negli orsi polari.

Raccolta differenziata

Le aziende in genere non acquistano nuovi computer o sistemi perché l'hardware attuale non è adatto a uno scopo. Invece, si aggiornano per migliorare le prestazioni e le vecchie apparecchiature potrebbero ancora avere un certo valore. Questi computer possono essere ricondizionati o inviati al riciclaggio: anche un PC rotto contiene componenti che sono preziosi e possono essere riutilizzati. La maggior parte dei principali produttori offre alle aziende una qualche forma di servizio di riciclaggio. Alcuni offrono anche sconti di permuta o contanti per vecchie apparecchiature che potrebbero aiutare a coprire alcuni costi di un nuovo sistema.