Qual è un buon margine lordo per le società di vendita al dettaglio?

I margini lordi - il profitto totale netto dei rivenditori dopo aver venduto un prodotto - sono guidati da una serie di variabili, tra cui il tipo di prodotto venduto e il canale di vendita al dettaglio che lo vende. La linea di fondo è che un buon margine lordo è quello che consente a un rivenditore di pagare i suoi costi operativi e generare un profitto.

Rivenditori a basso margine

I margini lordi al dettaglio sono misurati dalla percentuale totale del profitto generato da ogni articolo venduto. Ad esempio, uno studio della rivista "Forbes" del 2007 ha rilevato che la catena di magazzini Costco ha generato margini di circa il 12,2% nel terzo trimestre del 2006. Questo è considerato un margine sottile, ma Costco addebita ai clienti quote di iscrizione annuali in modo che possano mantenere i suoi prezzi e margini Basso. Anche i commercianti di massa come Wal-Mart generano margini bassi, ma compensano attraverso il volume delle vendite. Lo studio della rivista "Forbes" ha rilevato che Wal-Mart ha registrato un margine lordo del 23,7% nel terzo trimestre del 2006, che all'epoca era il margine più alto in quattro anni.

Rivenditori ad alto margine

I rivenditori che vendono beni più costosi e forniscono un livello più elevato di servizio clienti sono in genere le catene con i margini più alti. Secondo la rivista "Forbes", il rivenditore specializzato di fascia alta Tiffany's ha generato un enorme margine lordo del 55,4% nel terzo trimestre del 2006. Ma lo studio "Forbes" ha ipotizzato che Tiffany e altri rivenditori che mantengono i prezzi alti per generare margini elevati "potrebbero essere sacrificare la crescita a lungo termine per profitti a breve termine" e correre il rischio che i clienti migrino verso altri rivenditori che offrono prezzi più bassi.

Erosione del margine

I rivenditori sono spesso costretti a convivere con margini inferiori a causa degli aumenti dei prezzi da parte dei fornitori oa competere con i rivenditori che stanno abbassando i prezzi. Uno studio del Retail Owner's Institute ha rilevato che i rivenditori sono spesso costretti ad abbassare i prezzi a causa di "i più grandi rivenditori che tagliano incessantemente le loro spese operative, quindi abbassano i margini necessari in modo da poter abbassare i prezzi al dettaglio per competere meglio con altri mostri al dettaglio". I prezzi dei fornitori possono anche svolgere un ruolo nell'erosione dei margini. Secondo un'analisi di Inc.com, i rivenditori spesso devono scegliere tra trasferire gli aumenti dei prezzi dei fornitori ai consumatori per mantenere i margini o mantenere gli stessi prezzi e accettare margini inferiori per paura di alienare i clienti.

Il prezzo è fondamentale

Come per quasi tutte le attività, i prezzi al dettaglio ei margini sono determinati dallo stato dell'economia o dalla concorrenza all'interno di un determinato settore. La rivista "Forbes" nota che all'inizio del 2007, Wal-Mart è entrata in una guerra dei prezzi con Target in cui ha tagliato i prezzi su televisori ad alta definizione e altri prodotti, riduzioni di prezzo che si sono tradotte in margini inferiori per la catena. La chiave per i rivenditori è trovare un equilibrio tra la vendita di prodotti a un prezzo che attiri i consumatori e guidi le vendite, ma mantenendo i prezzi abbastanza alti da generare margini lordi che copriranno i costi operativi e produrranno un profitto.