Una società può donare in un'elezione presidenziale?

Le piccole imprese di solito iniziano come operazioni o partnership con un unico proprietario, ma man mano che le aziende crescono, i gestori a volte scelgono di vendere azioni agli investitori per aiutare a finanziare l'espansione. Dopo che un'azienda vende azioni, diventa una società soggetta a molte regole e regolamenti specifici. Le corporazioni possono partecipare a varie attività politiche nel tentativo di influenzare le elezioni, ma non possono donare direttamente denaro ai candidati politici in un'elezione presidenziale.

Contributi diretti alla campagna

Secondo la Commissione elettorale federale, alle società e ai sindacati è vietato contribuire ai candidati politici. Questa restrizione si applica sia alle società profit che a quelle senza scopo di lucro. D'altra parte, gli individui possono contribuire fino a $ 2.500 a un particolare candidato politico. Ciò significa che un imprenditore la cui attività è organizzata come una società può ancora contribuire a un candidato politico, ma deve farlo con i propri fondi personali anziché tramite un conto aziendale.

Comitati di azione politica aziendale

Sebbene le aziende non possano dare denaro direttamente ai candidati alla presidenza, possono donare denaro indirettamente attraverso comitati di azione politica sponsorizzati dalle aziende, noti anche come PAC. Le aziende possono organizzare PAC per raccogliere contributi volontari per una classe selezionata di individui, come dirigenti e azionisti aziendali. Un PAC sponsorizzato dall'azienda può quindi utilizzare quei fondi per contribuire ai candidati politici. Un PAC può contribuire fino a $ 5.000 direttamente a un candidato e può anche contribuire ai comitati nazionali di partito e ad altri comitati politici.

Contributi indiretti

Anche se le società non possono donare direttamente ai candidati alla presidenza, possono promuovere obiettivi politici attraverso determinati contributi indiretti. I dipendenti dell'azienda possono contribuire a campagne politiche tramite conti di prelievo aziendali che prelevano fondi personali contro stipendio, profitti o altri compensi. Le aziende possono anche pagare per gli annunci che fanno avanzare o danneggiano le posizioni politiche dei candidati.

Lobbismo

Le aziende possono anche sponsorizzare il lobbismo, che descrive gli sforzi per influenzare i politici come i legislatori e i candidati politici. Il lobbismo spesso si concentra sull'influenzare le decisioni del Congresso, ma i risultati delle decisioni del Congresso e la lealtà dei legislatori possono avere un impatto sulle elezioni presidenziali. Ad esempio, se un presidente in carica sta cercando di spingere una nuova legislazione e non riesce a passare a causa di sforzi di lobby, potrebbe danneggiare la capacità di quel presidente di essere rieletto.