L'impatto del potere e della politica sulla produttività organizzativa

Probabilmente è successo molto prima che tu gestissi un progetto per i dipendenti per la prima volta, molto prima che aprissi il tuo primo libro di gestione e anche prima di ottenere il tuo primo lavoro. Probabilmente è successo quando hai appreso, con tuo grande piacere, che "tutto" che dovevi fare era raccogliere documenti per la tua insegnante di scuola elementare o raccogliere tutte le palle da softball dopo l'allenamento di battuta per il tuo allenatore. Tali gesti ti hanno conferito uno status privilegiato mentre generavano risatine e gelosia da parte dei tuoi coetanei.

Non sapevi che ti stavi impegnando nella politica organizzativa, anche se ovviamente non ti riferivi ad essa in termini così inebrianti. Stavi semplicemente imparando ad andare d'accordo nel mondo, come fanno i giovani. Ora che sei il proprietario di una piccola impresa, potresti essere sorpreso di quanto poco sia cambiato il mondo e di come quella lezione giovanile sul potere e sulla politica risuoni con gli adulti. La differenza ora è che la proverbiale scarpa è sull'altro piede, il che rende fondamentale espandere la tua visione del mondo ai quattro domini della politica organizzativa. Man mano che acquisisci una maggiore comprensione di questi domini, puoi fare di più che capire il role of power in una leadership efficace; puoi imparare a gestire il potere che possiedi a portata di mano per migliorare la produttività tra i tuoi dipendenti.

Vieni a patti con la politica organizzativa

Da qualche parte lungo la strada, "politica" potrebbe essere diventata una parolaccia nel tuo vocabolario. Alcune di queste connotazioni esistono ancora, soprattutto quando sono legate alla politica interna degli affari. Anche il Business Dictionary definisce la politica organizzativa come:

  • "Il perseguimento di agende individuali e l'interesse personale in un'organizzazione senza riguardo al loro effetto sugli sforzi dell'organizzazione per raggiungere i suoi obiettivi."

Potresti dire che la raccolta di quei documenti o softball ha migliorato abbastanza bene gli obiettivi della tua "organizzazione scolastica", anche se i tuoi compagni di classe non sono sempre stati d'accordo. In questo caso, potresti favorire una definizione meno ego-centrica di politica organizzativa dalla Harvard Business Review:

  • Politiche organizzative si riferisce a una serie di attività associate all'uso di tattiche di influenza per migliorare gli interessi personali o organizzativi”.

In altre parole, è possibile che la politica organizzativa abbia avuto un brutto colpo, afferma l'Università del Minnesota:

  • “Anche se spesso vengono descritte in modo negativo, le politiche organizzative non sono intrinsecamente cattive. Invece, è importante essere consapevoli degli aspetti potenzialmente distruttivi delle politiche organizzative per minimizzare il loro effetto negativo”.

Per ribaltare il paradigma di vecchia data, Insead afferma che i proprietari di piccole imprese dovrebbero rendersi conto che:

  • La politica esiste in ogni organizzazione. È inutile combatterlo o cercare di sconfiggerlo. Può effettivamente essere "una risorsa per l'esecuzione della strategia" e uno "strumento naturale e utile necessario per cambiare gli sforzi". * "La politica ha molte connotazioni negative, ma non è solo uno strumento per il self-serving", afferma Insead. "Perlomeno, i leader devono essere consapevoli della disposizione del terreno in modo da potersi difendere dalla respinta che potrebbero ricevere nel corso dell'esecuzione della strategia".

Anche quel "respingere" dovrebbe essere familiare. Potresti averlo sperimentato quando i tuoi compagni di classe ti hanno insultato in mensa o ti hanno promesso di incontrarti nel corridoio dopo l'ultima campanella, solo per lasciarti in attesa e bloccato. Il panorama politico della gioventù potrebbe averti lasciato confuso e confuso, quindi sarai sollevato di sapere che il terreno è in realtà più facile da identificare e navigare da adulto, se sei disposto ad avere una visione da vicino.

Afferma l'Harvard Business Review:

  • "I dirigenti possono vedere le mosse politiche come sporche e cercheranno di prendere le distanze da tali attività. Tuttavia, ciò che trovano difficile da riconoscere è che tali attività possono essere per il benessere dell'organizzazione e dei suoi membri. Pertanto, il primo passo per sentirsi a proprio agio con la politica richiede che i dirigenti siano dotati di una mappa affidabile del panorama politico e di una comprensione delle fonti del capitale politico”.

Naviga nei quattro terreni della politica organizzativa

Quel paesaggio è costituito da quattro elementi fondamentali:

  • Le erbacce. Le rocce. L'altura.* Il bosco.

Mentre il potere e la politica declinano e fluiscono attraverso questi domini, tieni presente che il potere può assumere due forme: formale o informale. Il potere formale è esplicito e attinge all'esperienza e all'autorità. Ma questo potrebbe non essere il tuo stile. Potresti preferire esercitare il tuo potere in modi più sottili e anche attraverso le tue relazioni sul posto di lavoro. In effetti, potresti dover esercitare entrambe le forme di potere quando incontri:

  • Le erbacce, in cui le reti informali crescono e crescono naturalmente. Possono essere una forza positiva in un'organizzazione "favorevole al capo", ma possono anche diventare ingombranti e così ostili da minare e alla fine soffocare l'autorità di un capo.
  • La tua migliore tattica: Identifica gli influencer e tienili vicini. Quando emergono delle lacune nella rete, prova a riempirle con persone in linea con te e la tua piccola impresa.
  • Le rocce, che può rappresentare una forza stabilizzatrice, soprattutto in tempi di crisi. Nel peggiore dei casi, i bordi taglienti e frastagliati possono provocare il caos in un'organizzazione.
  • La tua migliore tattica: Data la natura intrinseca delle rocce, una dimostrazione formale di potere è di solito più efficace. L'eccezione: se gestisci la tua attività insieme a un comproprietario o vicepresidente disfunzionale. In questo caso, il modo migliore per navigare tra le rocce potrebbe essere reindirizzare la sua energia su uno sforzo positivo.
  • L'altura, che la Harvard Business Review dice “fornisce binari di guida per le rocce. È un processo politico funzionale che utilizza strutture di sistemi di controllo, incentivi e sanzioni che mantengono l'organizzazione in conformità ". Per quanto possa sembrare elevato occupare una posizione elevata, un'organizzazione può diventare "eccessivamente burocratica" e non correre rischi se si rifiuta di allontanarsi dalle alture.
  • Il tuo miglior tack: Non è mai facile dare il via al cambiamento e all'innovazione, ma la creazione di un sistema di ricompensa per i dipendenti che adottano tali mosse potrebbe essere una delle migliori dimostrazioni di gestione del potere e della politica.
  • I boschi è un altro luogo di dualità, dove le persone possono trovare conforto e sicurezza o un ambiente frustrante in cui grandi idee, cambiamento e innovazione possono essere ostacolati e persi. In questo terreno, il proprietario di una piccola impresa deve abbracciare il ruolo del potere in una leadership efficace prendendo l'implicito e rendendolo esplicito. * La tua migliore tattica: “Chiedere a clienti, neoassunti o appaltatori temporanei le loro osservazioni ed esperienze su come funziona l'azienda; un paio di occhi nuovi spesso identificheranno cose che gli operatori storici sono ciechi a vedere", afferma la Harvard Business Review. "Ottieni informazioni di benchmark da sondaggi ed esperti specializzati. Una volta che le ipotesi implicite sono state rese pubbliche, chiedi al tuo team di riflettere sul fatto che stiano aiutando la tua azienda o se la ostacolino. " Per disinnescare la politica interna negli affari, aiuterà anche enormemente a capire cosa motiva il comportamento piuttosto che giudicare il comportamento stesso.

Gestisci la politica organizzativa come un professionista

A questo punto, potresti essere sorpreso di apprendere che la gestione delle politiche organizzative consuma "solo" circa il 20% del tuo tempo, almeno se la tua piccola impresa è come molte altre. Ovviamente, vuoi promuovere un ambiente di lavoro dinamico, sapendo che le rivalità amichevoli alimentate dalla politica interna negli affari non devono essere una cosa negativa o una cattiva influenza. La tua abilità nel gestirlo influenzerà l'atmosfera nella tua attività e i tuoi risultati, quindi fai del tuo meglio per:

  • Tieni l'orecchio vicino al suolo e intervieni quando le rivalità minacciano di sfuggire al controllo e / o creare disarmonia.
  • Esercita la tua influenza solo quando è assolutamente necessario, consentendo ai dipendenti di negoziare e risolvere da soli i conflitti interni.
  • Tratta tutti allo stesso modo. Potresti avere i tuoi preferiti personali; quale manager non lo fa? Ma non mostrare un trattamento preferenziale livellerà automaticamente il campo di gioco politico. * Modella un buon comportamento, anche se ovviamente ci saranno momenti in cui inciampi. Quando succede, confessa e indica il tuo comportamento come una lezione cautelativa. Essere di supporto, leali e orientati al team sono qualità che Robert Half dice che i dipendenti ti rispecchieranno, sottolineando le migliori lezioni della politica organizzativa in azione.