Struttura di reporting aziendale

La struttura dei rapporti si riferisce alle relazioni di autorità in un'azienda, chi riferisce a chi. Per le piccole imprese con solo un paio di dipendenti, quella struttura è spesso evidente: tutti fanno rapporto al proprietario. Con un numero sufficiente di nuovi dipendenti, tuttavia, il coordinamento degli sforzi di tutti richiederà probabilmente una struttura organizzativa formale. Questo quadro stabilisce chi è responsabile dei diversi compiti, delle aree dipartimentali e dell'organizzazione nel suo complesso. Questi confini di autorità e le relazioni tra le persone con autorità servono a creare la struttura di rendicontazione.

Verticale

L'aspetto verticale della struttura organizzativa crea una gerarchia di potere. I dipendenti hanno solo l'autorità per svolgere i propri lavori individuali, quindi sono in fondo alla gerarchia. Riferiscono ai supervisori operativi, che possono richiedere la supervisione di quadri intermedi. Questo potere crescente continua fino ai vertici della struttura di reporting, fermandosi al proprietario o all'amministratore delegato. In un organigramma, le linee collegano le posizioni ai rispettivi manager. Si dice che i dirigenti operativi, intermedi e alti abbiano l'autorità di linea su coloro che supervisionano direttamente. Le relazioni verticali nella struttura dei rapporti sono la catena di comando.

Orizzontale

L'aspetto orizzontale della struttura di reporting stabilisce le relazioni tra pari e quelle tra i dipartimenti. Le relazioni laterali influiscono sul benessere di un'azienda, perché le persone e le sezioni di tutta l'organizzazione devono coordinare gli sforzi per promuovere l'azienda. Creerebbe confusione, ad esempio, se un subordinato di un manager si avvicinasse a un altro manager per lavorare su un progetto interdipartimentale. Invece, i due peer manager, ciascuno dei quali detiene l'autorità decisionale, devono allineare le proprie risorse. L'aspetto orizzontale di una struttura definisce anche l'ambito di controllo di ciascun manager. Il numero di subordinati che riportano a un manager comprende l'intervallo di quel manager.

Autorità del personale

Alcuni dipartimenti di un'azienda esistono per fornire consulenza. Ad esempio, una grande azienda potrebbe aver bisogno di un intero dipartimento legale. Alcune piccole imprese potrebbero richiedere persone dedite alla ricerca. Questi servizi di consulenza riferiscono i loro consigli e le loro conoscenze ad altri manager o direttamente al proprietario. Le informazioni sono la base per le decisioni che interessano altri reparti e, spesso, l'intera azienda. Si dice che i consulenti abbiano l'autorità del personale. I consulenti possono anche detenere l'autorità di linea all'interno dei propri dipartimenti.

Autorità funzionale

Alcuni responsabili del personale devono avere autorità su determinate procedure o attività in tutta l'azienda. Ad esempio, un responsabile delle risorse umane potrebbe aver creato procedure che tutti i manager devono seguire per prevenire la discriminazione e promuovere la diversità. I manager di tutta l'azienda dovrebbero segnalare la loro conformità al responsabile delle risorse umane, che detiene l'autorità funzionale sulle procedure.

Creare la struttura

Il proprietario di una piccola impresa stabilisce la struttura dei rapporti come fase finale della progettazione organizzativa. Costruisce la struttura migliore considerando prima gli obiettivi strategici e la missione dell'azienda e quindi elencando tutte le attività necessarie per svolgere il lavoro necessario. Il proprietario ordina, classifica e raggruppa le attività per creare lavori e reparti. Il lavoro è assegnato e l'autorità delegata. Con tutto il lavoro e i ruoli definiti, il proprietario può impostare gli aspetti verticali e orizzontali dell'organizzazione stabilendo relazioni di reporting.