Come avviare un'attività di consulenza per il servizio clienti

La ricerca ha dimostrato che il costo dell'acquisizione di un nuovo cliente è cinque volte maggiore del costo per mantenere un cliente attuale. Nonostante ciò, il 44% delle aziende investe le proprie risorse principalmente nell'acquisizione di clienti, mentre solo il 18% dedica più energia alla fidelizzazione.

Un consulente del servizio clienti può aiutare un'azienda a fare un lavoro migliore nel fidelizzare i propri clienti migliorando le proprie politiche e azioni di servizio. Tuttavia, avrai bisogno di un'esperienza lavorativa aziendale specifica per qualificarti. Un MBA può anche aiutarti a ottenere contratti di servizio clienti.

Cosa porti a tavola?

Prima di decidere di avviare un'attività di consulenza per il servizio clienti, considera quale esperienza e formazione del servizio clienti offri. Avere un lavoro nel servizio clienti, ad esempio un rappresentante online o telefonico, è una buona esperienza, ma probabilmente non è sufficiente per convincere i potenziali clienti che hai le conoscenze e l'esperienza necessarie per aiutarli a migliorare il loro servizio clienti. L'esperienza lavorativa lavorando per una grande e prestigiosa società di consulenza aziendale come Bain Consulting, d'altra parte, è altamente desiderabile e andrebbe lontano nel convincere i potenziali clienti del servizio clienti che hai le capacità per aiutarli a migliorare.

Tra questi due estremi ci sono una serie di lavori ed esperienze correlate che ti aiuteranno anche ad acquisire clienti in questo campo in crescita. L'esperienza di amministrazione nella divisione del servizio clienti di una grande azienda ti dà un'idea di cosa funziona e cosa no, specialmente se la tua esperienza lavorativa è stata con un'azienda come Amazon.com con una reputazione per l'eccellenza del servizio clienti. Anche l'esperienza di amministrazione delle risorse umane può essere utile perché offre una panoramica del successo dei dipendenti: i dipendenti di successo di solito ottengono recensioni favorevoli da parte di colleghi e clienti.

Qualifiche accademiche desiderabili

Se speri di consultare le aziende, è quasi essenziale avere un background in qualche tipo di impiego aziendale. Più l'occupazione ha a che fare con il coinvolgimento dei clienti o la gestione del lavoro dei dipendenti che lo fanno, meglio è. Aiuta anche una laurea in gestione delle risorse umane conseguita presso un'università rispettabile, in particolare un MBA.

Cosa fare per ottenere l'esperienza di cui hai bisogno

Se non possiedi nessuna delle qualifiche sopra elencate ma desideri una carriera nella consulenza del servizio clienti, probabilmente dovrai lavorare per acquisire l'esperienza prima di iniziare la tua consulenza. Un approccio consiste nel trovare una società di consulenza per il servizio clienti esistente alla ricerca di dipendenti di livello base. Non otterrai un lavoro alla Bain in questo modo - la maggior parte delle sue assunzioni sono MBA della Ivy League - ma le aziende più piccole potrebbero assumerti e, una volta assunte, puoi iniziare ad acquisire le competenze e l'esperienza necessarie per avviare la tua azienda.

In alternativa, se hai qualche esperienza aziendale che ti rende un potenziale assunto, fai domanda per un lavoro nella gestione delle risorse umane, nella società in cui lavori ora o in un'altra società.

Se sei già qualificato

Se hai una notevole esperienza nell'amministrazione del servizio clienti o altra esperienza aziendale che ti qualifica come consulente del servizio clienti, puoi avviare la tua consulenza ogni volta che sei pronto. Un modo per farlo che riduca al minimo il divario di reddito che si presenta quando si effettua la transizione da dipendente a consulente è avviare la propria attività di consulenza a lato. Leggi la transizione di un consulente che utilizza questa strategia nell'articolo di Forbes "Come avviare un'attività di consulenza sul lato", nella sezione Riferimenti di questo articolo. Ottieni alcuni suggerimenti utili su altre strategie di avvio per i consulenti nell'articolo di Bplans "10 suggerimenti su come avviare un'attività di consulenza", disponibile anche nella sezione Riferimenti.

Un suggerimento particolarmente valido nell'articolo di Bplans: chiedi al tuo attuale datore di lavoro un contratto di consulenza durante la transizione. Tim Barry, l'autore, che ha la sua società di consulenza, sottolinea che la sopravvivenza come consulente spesso dipende dall'acquisizione di un cliente importante e che per molti consulenti, quel primo cliente importante è il loro ex datore di lavoro aziendale.