Gli svantaggi dei social network sul posto di lavoro

I proprietari di piccole imprese devono valutare i potenziali effetti negativi dei social media sul posto di lavoro, prima di mettere i dipendenti di fronte a un computer con accesso illimitato a Internet. Gli effetti negativi dei social media sulla produttività possono portare a una perdita di entrate, mentre l'uso diffuso dei social network per le comunicazioni interne rende la perdita di dati aziendali sensibili una possibilità concreta. Prima di assumere un lavoratore che deve utilizzare Internet per lavoro, redige una politica sui social media che affronti le tue preoccupazioni principali e quindi aggiungila, se necessario.

Politiche sui social media

La politica sui social media di un'azienda va oltre l'utilizzo dei social media all'interno dell'ufficio e dovrebbe contenere linee guida su come i dipendenti dovrebbero comportarsi online. In alcuni settori, come il giornalismo o la politica, le politiche sono più restrittive e richiedono ai lavoratori di limitare le dichiarazioni basate sull'opinione o la discussione di marchi e personaggi della comunità. Altri pongono limitazioni alla discussione sull'attività e sulla posizione di un dipendente. Valuta il tuo campo e tutte le preoccupazioni, come la privacy dei clienti o il comportamento dei dipendenti, durante la stesura della tua politica e includi le linee guida che i lavoratori possono utilizzare quando condividono le informazioni riguardanti la tua attività online. Dopo aver redatto una politica completa, chiedi a un avvocato di esaminarla per assicurarti che il documento non violi alcun diritto dei dipendenti e sia pienamente applicabile quando si verificano problemi con i social media sul posto di lavoro.

Social media - Effetti negativi sulla produttività

I dipendenti che aggiornano costantemente Facebook, inviano tweet su Twitter ogni poche ore e guardano le storie di Instagram più volte al giorno non stanno lavorando al massimo delle loro potenzialità; questo è uno dei principali svantaggi dei social media sul posto di lavoro. Mentre molti giustificano l'uso dei social media come una pausa mentale, le reti possono attirare un utente e tenerlo due volte al giorno più a lungo della pausa standard di 15 minuti. Uno studio della Harvard Business Review suggerisce anche che i lavoratori che utilizzano i social media al lavoro hanno maggiori probabilità di coltivare le connessioni di cui avrebbero bisogno per passare al loro prossimo lavoro, anche se sono nel tuo sito, lavorando in orario.

Per limitare l'uso dei social media al lavoro, blocca l'accesso ai siti non necessari dai tuoi computer. Mentre i lavoratori manterranno l'accesso ai propri profili utilizzando i propri dispositivi personali come gli smartphone, l'uso eccessivo dei propri dispositivi da parte dei dipendenti sarà più evidente. Per i lavoratori che richiedono l'accesso ai social media per il loro lavoro, discutere durante l'orientamento i parametri di utilizzo di questi siti di social media e stabilire obiettivi chiari per il loro tempo, come rispondere ai messaggi dei clienti, programmare i contenuti aziendali o catalogare le chiacchiere dei consumatori.

Le questioni personali diventano problemi di lavoro

Quando i colleghi comunicano tra loro utilizzando i social network durante l'orario di lavoro, diventa possibile che i problemi personali si riversino sul posto di lavoro. Ad esempio, Pam potrebbe pubblicare un meme politico che a Bill non piace. Se Bill commenta negativamente, potrebbe seguire un'accesa discussione, che poi diventa un conflitto di persona che la direzione deve risolvere. Un messaggio personale ad amici e familiari su un problema di salute potrebbe essere diffuso in tutto l'ufficio, nonostante le preoccupazioni sulla privacy dei dipendenti.

Strumenti di comunicazione aziendale

Limitare l'uso di Facebook o Twitter al lavoro non significa impedire ai dipendenti di condividere informazioni online in un ambiente sicuro e professionale. Ad esempio, Facebook offre un sito Workplace che consente ai lavoratori di comunicare indipendentemente dai loro profili personali, mantenendo casa e lavoro separati. Altre soluzioni, come Trello, Slack o Skype, consentono anche ai lavoratori di gestire progetti e condividere informazioni, per lavoro e per divertimento, mantenendo la gestione sempre aggiornata e pronta a moderare. Le soluzioni aziendali aiutano anche a conservare le informazioni proprietarie, come i piani di marketing e le discussioni sugli obiettivi annuali e sui dati di vendita, in un luogo sicuro.